• Dott.ssa Benedicta Orlandi

7 regole da seguire per un benessere di coppia

Aggiornato il: mag 14



Come ben sappiamo la relazione e il benessere di coppia associato a questa, sono  un qualcosa in perenne e delicata trasformazione. E’ dinamica, cambia, si evolve. E’ un percorso variabile che ha origine nei primi incontri, ma che prosegue poi per diverse e variegate strade che possono includere la conoscenza, l’instaurarsi di una relazione più solida, la convivenza, l’eventuale nascita dei figli. Sentimenti ed equilibri sono in continua mutazione e rinegoziazione.


Costruire il benessere di coppia: dall'innamoramento all'amore


Si potrebbero ipotizzare delle tappe fondamentali nella costituzione del legame e del benessere di coppia. Una prima fase di “attrazione-corteggiamento-flirt” caratterizzata da emozioni travolgenti, dove è attivo prevalentemente il sistema motivazionale sessuale, più che il sistema di attaccamento. A seguire, la relazione diviene più intima passando alle fasi di “innamoramento” e di “amore”, dove il partner tende ad essere via via anche fonte di conforto, risorsa emotiva, rifugio sicuro. Ci si sposta quindi, dalla passione all'intimità, per giungere alla cosiddetta fase “post romantica”.


Transitando da una fase all'altra le sensazioni travolgenti iniziali tendono a sfumarsi, l’idealizzazione del partner viene meno, e si lascia spazio ad una valutazione più realistica dell’altro, comprensiva di pregi e difetti. Le aspettative possono essere deluse, favorendo l’emergere di dubbi ed incertezze sul continuare o meno un rapporto, risultato diverso da quello immaginato.


In una coppia stabile e duratura, in aggiunta, le vicissitudini della vita andranno inevitabilmente a cambiare i partner, la relazione e l’equilibrio creatosi. Tali mutamenti possono spingere la coppia alla crisi, ed è proprio questo il momento nel quale si richiede maggiormente l’intervento di uno psicologo.


C’è da dire, però, che il percorso psicologico di coppia non è adatto soltanto a coppie in profonda crisi, bensì si dimostra sempre più utile anche a scopo preventivo di fronte a piccole iniziali incomprensioni. L’obiettivo sarà favorire e migliorare la comunicazione, prevenire i conflitti ed abbandonare eventuali ideali romantici impossibili.


Proprio a fine preventivo, oltre che di intervento, ecco 7 regole basilari, “pillole” psicologiche per la coppia, tratte dai miei approfondimenti sulla Terapia Breve con Approccio Multimodale.


Procedure semplici, ma efficaci, che possono aiutare a migliorare il rapporto e il benessere di coppia.


Volete mettervi in gioco? Bene! Il mio consiglio è di stamparle e attaccarle al frigorifero, dopo aver aperto una riflessione sulle stesse.


Le 7 regole basilari per un benessere di coppia


  1. Non criticare mai una persona: chiedere invece una specifica modifica nel suo comportamento.

  2. Non “violentare” la mente (ad esempio, non dire al partner ciò che pensa o sente).

  3. Evitare le generalizzazione, come il dire “tu fai sempre” oppure “tu non fai mai”. Essere specifici.

  4. Evitare di categorizzare in giusto/sbagliato, buono/cattivo. Al contrario, quando emergono delle divergenze, cercare dei compromessi.

  5. Utilizzare messaggi “Io” al posto dei messaggi “Tu” (ad esempio “Io mi sento ferito quando mi ignori” piuttosto che “Tu sei egoista e privo di riguardo nei miei confronti perché mi ignori”).

  6. Essere il più possibile diretti ed onesti. Dì ciò che pensi e pensa ciò che dici.

  7. Io sono Ok, tu sei Ok. Io valgo, Tu vali.


E voi? Mettete in atto tali regole? Quanto sono rispettate nella vostra coppia? Quali altre regole aggiungereste?


Discutere su questo può aprire numerosi spunti di riflessione e consapevolezza.


E’ ben inteso che le regole di coppia possono essere molte, ed ognuno ne costruisce di proprie (più o meno consapevoli) che possono favorire o al contrario inficiare il benessere del rapporto duale.


Iniziare a prenderci cura della nostra relazione, partendo con motivazione da questi piccoli grandi accorgimenti, farà sicuramente bene alla coppia e condurrà ad un clima relazionale più disteso.


Per molte coppie già lavorare su tali punti attiva aree di cambiamento, per altre sono necessarie ulteriori tecniche ed un lavoro più profondo.


Così come ogni individuo è a sé, ogni coppia è a sé e per questo ogni percorso sarà necessariamente individualizzato.


Una metafora per la coppia


Per concludere quando si parla di coppia è bene non dimenticarsi che tale rapporto è come “una barca a vela accuratamente bilanciata”.


Se uno dei due partner si sposta bruscamente verso destra, l’altro sarà costretto a muoversi velocemente verso sinistra, per mantenere la barca in equilibrio.

Se uno dei due fa un buco nello scafo, a meno che questo non venga prontamente riparato, la barca comincerà ad andare a fondo.


Allo stesso modo, quando un partner agisce ferendo l’altro, crea una rottura, un “buco nella barca”. A questo punto, se la sua intenzione è affondare, può anche non far nulla, ma se il suo desiderio è rimanere a galla deve trovare velocemente un modo per riparare la rottura.

Riferimenti:

  • Lazarus, A.A. (2003). Terapia Breve e Completa. L’approccio multimodale. LAS

  • Castellano, R., P.Velotti, Zavattini, G.C. (2010). Cosa ci fa restare insieme. Il Mulino

  • Black Icon LinkedIn
  • Black Facebook Icon

© 2023 di Psicologia a Roma ed Online - Dott.ssa Benedicta Orlandi.